Regionali Lazio, c’è l’accordo. Grasso: “Leu sosterrà Zingaretti”

L’accordo c’è: per la Regione Lazio Leu sosterrà la candidatura di Nicola Zingaretti. A confermarlo è il leader di Liberi e uguali, Pietro Grasso, che dopo la rottura col Pd in Lombardia aveva ricevuto dal suo partito il mandato di esplorare le condizioni per un accordo nell’altra delicata contesa regionale in programma il 4 marzo. “In questi giorni – ha spiegato Grasso – ho portato all’attenzione del presidente Zingaretti le richieste emerse dall’assemblea dei delegati di Liberi e Uguali del Lazio sul profilo politico e sui punti programmatici in tema di sanità, mobilità, ambiente, gestione dei rifiuti, lavoro”. E l’esito del confronto è che “ci sono tutte le condizioni per costruire un’alleanza di sinistra”.

Una scelta accolta con soddisfazione al governatore uscente: “Sono molto contento per la scelta di Liberi e Uguali. Un importante fatto politico che arricchisce il profilo del nuovo centrosinistra regionale che stiamo costruendo. Dopo i tavoli e i gazebo del Pd di questi giorni, il lancio della Lista Civica di oggi l’annuncio di Pietro Grasso rafforza la credibilità di vittoria per il 4 marzo. In questi anni abbiamo ottenuto grandi risultati ora prepariamoci a 5 anni di svolta”.

Zingaretti ha intanto presentato in mattinata, al Nazionale Spazio Eventi, la lista civica a suo sostegno. Un simbolo semplice, con un tondo diviso in tre fasce orizzontali di colore rosso, bianco e blu e, a tutto campo, la scritta “Lista Civica Zingaretti presidente”. Svelati i primi nomi di chi ne farà parte, tra cui alcuni consiglieri uscenti: Gino De Paolis, Marta Bonafoni, Rosa Giancola e Daniela Bianchi del gruppo Insieme, e i due della Civica già eletti alla Pisana, Michele Baldi e Gianluca Quadrana. Nella rosa di quelli che potranno finire in lista – in parte annunciati in un video – ci sono la funzionaria comunale Maria Luisa Agneni, l’architetta e docente universitaria Chiara Tonelli, l’impiegata Paola Marchetti, l’ingegnere Tatiana Campioni, il medico Maria Rita Petrillo, la giornalista Tiziana Grassi, la vicepreside della scuola Einaudì di Roma Marina Di Foggia. In lista potrebbero entrare anche l’ex sindaco di Rieti Simone Petrangeli e l’ex consigliere regionale socialista Oscar Tortosa.

Le ambizioni sono alte: unire realtà che vengono da mondi diversi per contribuire alla costruzione di “un nuovo centrosinistra più ampio e inclusivo”. A presentare la nuova lista è lo stesso governatore, insieme al vicepresidente uscente Massimiliano Smeriglio, che assicura: “E’ un progetto vincente perché mette  insieme un sacco di realtà locali, associative di esperienza, di presidio territoriale, di amministratori che altrimenti non avrebbero avuto un luogo di rappresentanza e di protagonismo. Ed è curata nei minimi particolari con presenze anche di culture politiche diverse. L’importante – ha concluso – è condividere il profilo politico che oggi abbiamo definito su sanità, scuola, università e valorizzazione del protagonismo sociale delle persone e delle associazioni”.